Rossi sulla gara col Gela

 «Quello che sta accadendo a Gela non ci deve interessare e dico a tutti di tenere alta la guardia». L’allenatore della Cavese, Marco Rossi, non si fida delle ultime vicissitudini che hanno coinvolto i prossimi avversari dei metelliani. Le dimissioni dell’amministratore unico della società siciliana e del tecnico salernitano Nicola Provenza, oltre alla consegna del titolo sportivo del Gela nelle mani del primo cittadino, non sono situazioni che possono dare già per scontata la vittoria degli aquilotti contro i prossimi avversari allo stadio “Simonetta Lamberti”.
Anzi, proprio a causa di questo momento particolarmente caotico che sta attraversando il Gela, la sfida casalinga di domenica prossima assume connotati ancora più difficili, poiché, come spiega lo stesso Rossi, «sono certo che loro domenica si presenteranno con la migliore squadra possibile e cercheranno di vincere la partita a tutti i costi. A mio avviso, infatti, per loro domenica è la partita della vita, propria a causa di questa situazione che si è creata. Per questo dico di non badare a quanto sta accadendo loro e di non pensare che sia un passeggiata. Domenica ci attende una partita molto dura e dovremo essere pronti e concentrati al punto giusto per riuscire a superare una squadra che si presenterà a Cava più agguerrita che mai e disposta a vendere cara la pelle».
In effetti, la partita si preannuncia davvero ostica per gli aquilotti, i quali, proprio come gli avversari, hanno urgente bisogno di centrare la prima vittoria di questo 2011. Dopo il buon pareggio di Cosenza, è ora di festeggiare finalmente la conquista dell’intera posta in palio per risollevare il morale di tutto l’ambiente e proseguire nella difficile lotta per la salvezza. «Sappiamo tutti che quella di domenica è una partita importantissima anche per noi. Come già ci è capitato altre volte - ha spiegato l’allenatore Rossi - ci troviamo di fronte ad una sfida cruciale per il prosieguo del cammino in campionato. In queste situazioni c’è davvero poco da dire. Vogliamo e dobbiamo vincere a tutti i costi, perché solo così possiamo alimentare le nostre speranze».
Intanto, ieri la conferenza stampa al termine degli allenamenti è stata anche l’occasione giusta per ricomporre la polemica tra il tecnico ed una parte della stampa locale, che non aveva gradito alcune esternazioni di mister Rossi al termine della partita contro il Cosenza. «Non volevo innescare vecchie polemiche o crearne delle nuove. Le mie dichiarazioni erano volte soltanto a sottolineare che, nonostante le tante difficoltà a cui abbiamo dovuto far fronte sin dalla scorsa estate, qualcuno continua a dimenticarsi tutto quello che è successo ed il buon lavoro che questa squadra sta facendo. Noi stiamo facendo il massimo e, se l’ambiente fosse un po’ più sereno, ne trarremmo vantaggio tutti».

La Cavese domani affronterà al Pregiato, l'Angri che milita in serie D.

 

Share

1ª Giornata

Agropoli Due Torri -
Cavese Rende -
Hinterreggio Messina -
Noto Montalto -
Orlandina Licata -
Pomigliano Akragas -
Ragusa Battipagliese -
Savoia Torrecuso -
Vibonese Nuova Gioiese -
CLASSIFICA PT
Agropoli  

Akragas Città dei Templari

 
Battipagliese  
CAVESE 1919  
Città di Messina srl  
Due Torri  
Hinterreggio Calcio srl  
Licata 1931  
Comprensorio Montalto Uff  
Noto  
Nuova Gioiese  
Orlandina ASD  
Pomigliano Calcio  
Ragusa Calcio  
S.S. Rende  
Savoia 1908 S.R.L.S.S.D.  
Torrecuso Calcio  
Vibonese Calcio srl