Stringara incoraggia la Cavese

In foto l'ex mister aquilotto Paolo Stringara
In foto l'ex mister aquilotto Paolo Stringara

L’anno scorso toccò a mister Paolo Stringara il miracolo di salvare una Cavese di cui aveva assunto le redini quando era posizionata all’ultimo posto. Ed il tecnico di Orbetello ci riuscì, contando su alcuni calciatori che ancora oggi sono nell’organico metelliano, come Cipriani e Bacchiocchi, per non parlare dello stesso Antonio Schetter. Oggi il tecnico si dice ottimista per una salvezza degli aquilotti.
«Fa specie vedere la Cavese all’ultimo posto - ha ammesso Stringara, contattato telefonicamente - ma dobbiamo tenere nel dovuto conto il fatto che senza la penalizzazione non sarebbe ultima. Comunque, mi ritengo fiducioso ed ottimista, perché la squadra secondo me riuscirà a centrare l’obiettivo dei playout, considerato che all’ultima giornata affronterà il Foligno in casa. E poi penso che riuscirà anche a salvarsi. Quando ci salvammo nella mia gestione, la squadra aveva problemi economici che, purtroppo, quest’anno sono venuti a galla con i punti di penalizzazione. Noi non avemmo punti di penalizzazione, per questo riuscimmo a raggiungere i playout, invece la squadra attuale sfortunatamente ha ereditato dall’anno scorso queste penalizzazioni».
Schetter contro il Benevento è stato il migliore dei suoi. Se lo aspettava così determinato? «Tonino è un calciatore che secondo me in questa categoria è sprecato. Quando passai al Cosenza, Schetter era tra i primi tre giocatori che avevo richiesto, non ne ho mai fatto mistero. La Cavese ce l’ha nel proprio organico e deve sfruttarlo al massimo per questa salvezza».
La Cavese è attesa da due trasferte e da due turni interni: che calendario è secondo il tecnico Stringara? «Senza perdersi troppo nei calcoli, dico che secondo me la Cavese deve riuscire a trovarsi con massimo 3 punti di distacco dal Foligno all’ultima partita, perché ha la Cavese ha già vinto lo scontro diretto fuori casa e con una vittoria all’ultima giornata entrerebbe di diritto nei playout».

Intanto la prossima partita la Cavese la giocherà sabato 23 aprile, così come sarà per tutti gli altri incontri della Lega Pro. In vista c’è un Atletico Roma temibile con i suoi solisti Ciofani, Baronio, Franchini ed Esposito: in pratica, l’Atletico di Incocciati assomiglia al Benevento affrontato l’altro ieri al “Lamberti” e per questo agli aquilotti rischia di non bastare il cuore. Ieri Melotti ha diretto una seduta di allenamento a porte chiuse al “Lamberti”, con quei calciatori non impiegati contro il Benevento che hanno lavorato normalmente, mentre per quelli che avevano giocato c’è stato lavoro di scarico. Già da dopo il derby il tecnico modenese sta pensando alla sostituzione di Sirignano, per il quale è in arrivo la squalifica oggi. Ad oggi è favorito Pagano come stopper assieme a Cipriani.

1ª Giornata

Agropoli Due Torri -
Cavese Rende -
Hinterreggio Messina -
Noto Montalto -
Orlandina Licata -
Pomigliano Akragas -
Ragusa Battipagliese -
Savoia Torrecuso -
Vibonese Nuova Gioiese -
CLASSIFICA PT
Agropoli  

Akragas Città dei Templari

 
Battipagliese  
CAVESE 1919  
Città di Messina srl  
Due Torri  
Hinterreggio Calcio srl  
Licata 1931  
Comprensorio Montalto Uff  
Noto  
Nuova Gioiese  
Orlandina ASD  
Pomigliano Calcio  
Ragusa Calcio  
S.S. Rende  
Savoia 1908 S.R.L.S.S.D.  
Torrecuso Calcio  
Vibonese Calcio srl